Maria Luigia Gioffrè

Maria Luigia Gioffrè

La Danza del Contrario

2015

Single channel video

8.18 min

 

 

 

 

 

Corpi vestiti di bianco si intrecciano frenetici in uno spazio non identificabile, danzano con passi frammentati e appaiono prima più nitidi e riconoscibili, poi meno definiti e delineati fino alla dissoluzione delle sagome e alla dispersione del confine figurativo.

La Danza del Contrario nasce dalla rielaborazione e dalla riscrittura di un’azione performativa che unisce il teatro alla danza, intitolata Insignifidanza, che Maria Luigia Gioffrè ha ideato per la regia della compagnia Stabile Amato, su commissione di Armonie Arte Festival. Sebbene si tratti di un’opera video che prende vita da un lavoro già compiuto, le sue intenzioni narrative, le sue qualità compositive e il suo significato, raggiungono una portata comunicativa da determinarne una sua totale autonomia rispetto alla sua origine. Attraverso un’operazione di montaggio e di postproduzione, l’artista porta alla luce e fa emergere una narrazione intravista e sommersa, in cui il corpo è protagonista come sede di verità. Il principio della riflessione può essere colto nel pensiero del filosofo Jacques Derrida e nelle sue speculazioni riguardo la frattura incolmabile tra linguaggio ed essere, la problematica corrispondenza di significanti e significati e   l’illusione  dell’uomo   cogitante   di   usare   la parola  come efficace  mezzo  di espressione  e comunicazione.

Tempo e spazio risultano frazionati, dilatati o compressi ma il corpo è un’entità unica e totale che, nella sua presenza e in quanto elemento comunicatore caratterizzato da unicità di senso e di forma, supera i limiti del linguaggio, in un movimento al di fuori dagli schemi linguistici, in rapporto con la realtà. Per descriverla con le parole dell’autrice, La danza del Contrario è un’opera che «racconta punti di intersezione del corpo, al fine di raccontare un senso di evanescenza comune all’uomo parlante e alla letteratura del dire».

 

“È un atto di osservazione e astrazione dal presente: la performance è una partecipazione, un essere qui”

 

Maria Luigia Gioffrè, classe 1990, dopo la laurea triennale in scienze politiche presso l’Università LUISS di Roma, nel 2013 si diploma in fotografia all’ ISFCI Istituto Superiore..

Leave a Reply

Your email address will not be published.